29 Dic 2016
dicembre 29, 2016

La Rimappatura della Centralina

0 Comment

La rimappatura della centralina permette di ottenere un maggiore incremento di potenza, di coppia massima ed una migliore qualità di erogazione. L’intervento di elaborazione dei parametri eseguito, assicura una migliore erogazione della potenza del motore lungo tutto il suo arco di funzionamento, in modo particolare viene incrementata la coppia motrice permettendo di eliminare incertezze di erogazione in fase di ripresa. La rimappatura della centralina può essere effettuata sia in modo tradizionale, che prevede l’apertura della centralina e il relativo distacco dell’eprom, o in modo seriale che permette di utilizzare la presa diagnosi OBDII che si trovano ormai in tutte le autovetture.

Utilizzando la presa diagonosi è possibile riprogrammare – elaborare la centralina elettronica senza aprirla o manometterla e di conseguenza senza lasciare tracce che andrebbero a pregiudicare la garanzia della vettura.
La rimappatura della centralina permette quindi di tarare l’erogazione del motore su specifiche esigenze e stili di guida del cliente, consentendo anche un minor consumo di carburante.

Sui motori turbodiesel in particolare modo è dimostrato che un incremento della curva di coppia si accompagna sempre ad un notevole risparmio di carburante valutabile mediamente in circa il 10% (a parità di prestazioni). E questo miglioramento verrà apprezzato già al primo rifornimento di carburante e ciò si traduce in risparmio economico.

Tutto ciò è possibile in quanto le case costruttrici per seguire le proprie politiche commerciali non ottimizzano i loro propulsori lasciando un buon margine di intervento (circa il 30% sui moderni turbodiesel, il 20% sui turbo benzina, il 5-10% sugli aspirati). Di conseguenza la rimappatura della centralina non causa nessun genere di guasti meccanici perchè gli interventi vengono calibrati sui vari propulsori restando abbondantemente dentro i limiti di affidabilità.